"Dopo l'estate peggiorerà". Il fondatore del Gruppo di informazioni creditizie rompe il tradizionale riserbo e offre una view sul rallentamento della congiuntura. I numeri sul primo trimestre: domande di finanziamento giù tra il 2,4 e il 6%. E ripartono i default.

Tassi alti, stipendi fermi, minore disponibilità di denaro pagamenti alle imprese peggiorati. Le strette monetarie cercano di contrastare l'inflazione, ma riducono la liquidità e finiscono per condizionare le scelte future delle banche nel campo dei finanziamenti...

Leggi l'articolo completo