Se il decreto legge “Crescita” abolirà la norma che consente alle Regioni di riservare ai confidi di operare in regime di monopolio per accedere al Fondo di garanzia (lettera “r” dell’art.18 c.2 del DLGS 112/98), gli importi garantiti per il finanziamento delle micro e piccole-medie potrebbero vedere un considerevole aumento.

È quanto emerge, in estrema sintesi, da una ricerca curata dal laboratorio di Statistica applicata dell’Università cattolica di Milano, presentata nel corso di un incontro organizzato dal Gruppo NSA, tra i più importanti mediatori creditizi italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + diciotto =