La centralizzazione del fondo di garanzia disposta dal Decreto Crescita divide in due l’Italia. Con i portatori di interessi contrastanti che affilano le armi per far valere le rispettive ragioni nell’iter parlamentare di conversione, che dovrà essere completato entro fine giugno.