La centralizzazione del fondo di garanzia disposta dal Decreto Crescita divide in due l’Italia. Con i portatori di interessi contrastanti che affilano le armi per far valere le rispettive ragioni nell’iter parlamentare di conversione, che dovrà essere completato entro fine giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 5 =